Teroldego Rotaliano DOC


Gradazione alcolica minima – 11,5%

Temperatura di servizio – 18 °C

Abbinamenti

Primi piatti saporiti, arrosto di maiale, bolliti misti, lepre alla trentina, Vezzena stagionato, Puzzone di Moena, carni rosse alla griglia, lepre in salmi, selvaggina da pelo.

Affinamento – 2 anni il Superiore Riserva.

Il Teroldego ha colore rosso rubino piuttosto intenso con possibili riflessi violacei, al naso ha odore intenso e persistente, gradevolmente profumato di frutta rossa matura, confettura, viole e liquirizia, in bocca è asciutto, sapido, con lieve gusto di mandorla, di corpo, leggermente tannico, è fresco e morbido allo stesso tempo perché dotato dì tannini non troppo aggressivi.


Il Teroldego è un vino rosso che nasce nel suggestivo vigneto rotaliano.

Piace per il sapore sapido, con lieve fondo di mandorla. Il Teroldego Rotaliano è un rosso definito vino “principe” dell’enologia trentina.

La denominazione, forse un po’ difficile da ricordare, è composta dai nomi del vitigno, ossia Teroldego, e della piana chiamata Rotaliana dove le uve sono allevate.

Il Teroldego coltivato altrove fornisce prodotti deludenti, con caratteristiche completamente diverse.

Occorre pertanto ricercare nelle peculiarità del terreno l’unicità di questo vino. Tale ipotesi contrasta però con la leggenda che vorrebbe derivare il nome da tiroler gold “oro del Tiralo” dal nome con cui veniva chiamato a Vienna.

Il vino è prodotto con uve Teroldego al 100% e viene prodotto anche nella versione Superiore.

In questo caso deve garantire almeno 12 gradi alcolici ed è dotato di corposità più accentuata di quella del Teroldego.

È prodotto anche nella varietà Superiore Riserva, fornito di almeno 12 gradi alcolici e invecchiato minimo 2 anni, in questo caso ha riflessi violacei e corposità più sostenuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *