Soppressata di Fabriano


Zona di produzione – Provincia di Ancona.

Abbinamento

Da gustare con pane, verze o lenticchie, si abbina a vini bianchi profumati di media corposità.

Da gustare a fette, accompagnata semplicemente dal pane, è ideale anche per farcire tramezzini; è ottima servita con le verze stufate o con le lenticchie in umido.


Tipica dell’area di Fabriano, la Soppressata nasce dall’esigenza di utilizzare al meglio tutte le parti del maiale.

Si ottiene infatti dalla lavorazione delle parti meno nobili del suino, come la coda, la testa, la lingua e le cartilagini. Il tutto viene tagliato e amalgamato con spezie e aromi.

Il composto viene quindi insaccato in budello, cotto e infine pressato. La Soppressata di Fabriano stagiona per almeno 2 mesi prima di essere immessa sul mercato.

Talvolta prima della stagionatura, subisce una leggera affumicatura.

È un salume sapido e aromatico, che presenta in sezione un impasto marmorizzato, vagamente a mosaico, e comprende colori che vanno dal bianco tendente al rosa fino ad arrivare al rosso, talvolta anche cupo.

Il suo profumo è lievemente aromatico e il sapore è pieno, intenso.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *