Salato della Carnia


Zona di produzione – Provincia di Udine.

Abbinamento

Servito con verdure o utilizzato per insaporire le uova, si abbina a vini bianchi secchi di medio corpo e di buona persistenza.

Ottimo formaggio da tavola da gustare al naturale con il pane, il Salato della Carnia si serve con le verdure cotte, come gli asparagi al burro o i topinambur trifolati, oltre che con le insalate; in cucina viene anche utilizzato per insaporire le uova strapazzate e le omelette.


Il Salato della Carnia è un formaggio prodotto con latte vaccino, scaldato e addizionato di caglio di vitello; dopo la rottura della cagliata, la massa casearia viene riscaldata, quindi separata dal siero e posta nelle fascere.

Le forme ottenute vengono poi sottoposte alla salatura in bagni di salamoia localmente detta “salina” e composta da acqua, sale, panna di affioramento e latte per un periodo di tempo che può variare da un mese, per la varietà fresca, a più mesi, per quella stagionata.

Al termine del processo produttivo, il Salato della Carnia viene commercializzato in forme cilindriche di circa 6 chilogrammi di peso.

Ha crosta elastica; la pasta, la cui consistenza varia in base al periodo di affinamento, è di colore delicatamente paglierino e presenta leggera occhiatura sparsa.

Il formaggio si caratterizza per il gusto segnatamente sapido.