Pesca e Nettarina di Romagna IGP


Zona di produzione – Province di Bologna, Forlì-Cesena, Ferrara e Ravenna.

Abbinamento

Ottime da consumare al naturale, sono anche usate per preparare dolci e macedonie. Si abbinano a vini aromatici, amabili o dolci, come quelli da uve Moscato o Malvasia.


Già dagli inizi del Trecento si ha testimonianza della coltivazione delle pesche e delle nettarine in Romagna.

Il clima mite e omogeneo, influenzato dalla vicinanza del Mare Adriatico, ha favorito la coltivazione di questi frutti in Romagna prima del loro diffondersi in altre zone d’Italia.

Le pesche sono dissetanti, poco caloriche e appartengono a varietà diverse.

La principale distinzione è legata al colore della polpa e prevede che la pesca a polpa gialla sia prodotta in 12 varietà, la pesca a polpa bianca in 4.

La nettarina a polpa gialla, invece, può essere di 13 differenti tipologie, mentre quella a polpa bianca è prodotta nell’unica varietà Caldesi 2000.

Generalmente presentano polpa di colore giallo o bianco, sono profumate e il loro sapore è dolce.

Le pesche vengono solitamente commercializzate lungo un periodo compreso tra maggio a settembre, mentre le nettarine compaiono sui mercati da giugno a settembre.

È preferibile consumare questi frutti entro pochi giorni dall’acquisto e conservarli a una temperatura di poco superiore a 0 °C.