Farro della Garfagnana IGP


Zona di produzione – Provincia di Lucca.

Abbinamento

Si accompagna a vini bianchi ben caratterizzati.

Elemento base per un’alimentazione che voglia comprendere i cereali nella loro forma più sana, si utilizza nella preparazione di minestre, ma anche per guarnire secondi piatti.


Cereale antico, consumato dagli Etruschi e diffuso dai Romani, il farro è un alimento prezioso, commercializzato sia integrale (decorticato), sia perlato.

Se integrale, è preferibile lasciarlo in ammollo per 12 ore prima di cuocerlo, in modo che il seme acquisisca elasticità.

Volendo far germogliare i semi, basterà disporli in un piatto, coprirli appena d’acqua e tenerli al buio per 2 giorni circa: si otterranno dei germogli dall’inconfondibile sapore di noce da aggiungere nelle insalate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *